Seleziona una pagina

Le nuove sfide dell’industria nel panorama della manifattura 4.0

Stimolare gli investimenti in ricerca e sviluppo come chiave per il completamento della transizione digitale dell’industria italiana.

di Angelo Falvo

pubblicato il 20/12/2021

#AI #AR #Digital solutions #Industry 4.0 #IOT #RFID

Tempo di lettura: 5 minuti

RICERCA E SVILUPPO:

LE NUOVE SFIDE DELL’INDUSTRIA NEL PANORAMA DELLA MANIFATTURA 4.0

Start

Dalla teoria alla pratica

Prima di cominciare a lavorare, e più in particolare durante le fasi finali del mio percorso di studi all’Università, ho sempre guardato con particolare curiosità all’attività svolta dai ricercatori e dai dottorandi; attività che in realtà trovavo particolarmente noiosa e poco stimolante, quasi come scollegata dal mondo reale. Tali considerazioni sono state sicuramente dettate dal mio essere estremamente pratico nell’approccio alle varie situazioni della vita e dalla propensione a tenere in considerazione principalmente la concretezza e tangibilità delle cose.

Oggi invece, dopo dieci anni di azienda, mi rendo conto di quanto sia importante investire nella ricerca, di quanto sia fondamentale per trovare soluzioni a problematiche irrisolte o per migliorare quanto già realizzato utilizzando nuovi approcci.

Uno dei primi esempi che mi viene in mente è legato al mondo della Formula 1, dove i team investono costantemente su nuove tecnologie per riuscire a migliorare una prestazione, già ottima, di qualche millesimo di secondo.

Questions

Ricercare nel modo giusto

Ricerca di base, ricerca industriale, sviluppo sperimentale…
quale è il giusto approccio per poter raggiungere dei risultati tangibili e generare realmente del valore?

Sinergia

Probabilmente è il caso di affermare che in medio stat virtus o, per meglio dire, che è fondamentale alimentare la sinergia tra Università, piccole e medie imprese ed industrie per riuscire ad ottenere importanti risultati.

Industria 4.0

Negli ultimi anni si è parlato tanto di Industria 4.0, sono stati stanziati importanti fondi per supportare progettualità innovative rivolte al settore manifatturiero, ma probabilmente rispetto al potenziale di tali iniziative, è stato fatto relativamente poco.

Smart Industry

Risulta quindi fondamentale sfruttare al meglio il momento di ripresa postpandemico e dare una forte spinta per realizzare progettualità in ambito Smart Industry che generino importanti ricadute sui territori.

Answers

Le principali tecnologie abilitanti

Netgroup ha come obiettivo generale l’ampliamento ed il potenziamento delle soluzioni dedicate alle filiere produttive con importante focalizzazione sul miglioramento dei processi e dell’organizzazione delle linee di fabbricazione ed assemblaggio, dell’ottimizzazione dei flussi logistici, ed in generale di realizzare moderni siti industriale che sia conformi al paradigma dell’industria 4.0.

In Netgroup conduciamo numerose attività legate alla Ricerca e Sviluppo e, attualmente, stiamo lavorando attorno a 4 tematiche principali:

Sensoristica IoT

Gestione ciclo di vita degli attrezzi mediante sensoristica IoT

Tracciabilità

Tracciabilità parti di assemblaggio e kit con soluzioni di tracking a radiofrequenza

Artificial intelligence

Analisi delle difettosità con Analisi immagini con algoritmi AI

AR Training

Manutenzione e formazione con supporto AR

Focus

IoT ed AI per le industrie

La tracciabilità delle parti e delle attrezzature di lavoro coinvolte nel processo produttivo ed il controllo della qualità rappresentano due dei principali fattori chiave per le filiere produttive, soprattutto per i sistemi a catena di montaggio. Infatti, anche se le macchine hanno sostituito molti processi manuali, la catena di montaggio è ancora essenziale in molti contesti produttivi.

Il primo aspetto, relativo quindi al tracking, viene affrontato da Netgroup con un approccio by design, andando quindi a scegliere nel modo migliore possibile le tecnologie su cui impostare l’infrastruttura di campo in base agli specifici requisiti di progetto.

Quanto alla importanza del controllo difettosità, è forte l’esigenza di sviluppare soluzioni sempre più avanzate per minimizzare gli errori della catena «umana» sul prodotto finito, anche in considerazione di quanto le fasi di controllo qualità impattano sul fatturato di molte aziende (circa 15%-20%).

Netgroup si sta occupando dello sviluppo di una soluzione che mediante logiche di Image Recognition con telecamere fisse e/o mobili e moduli di IA applicata all’analisi del flusso video evidenzi i difetti e/o potenziali criticità nella produzione di linea, favorendo le operazioni di controllo qualità in modalità data driven.

Realtà aumentata per formazione e manutenzione

Altri aspetti particolarmente rilevanti guardando in logica più ampia al mondo delle industrie sono certamente quelle relative al capitale umano, ovvero la capacità di formare gli operai e dotarli di strumenti che semplifichino le attività di manutenzione in modo da mantenere alto lo standard qualitativo di produzione.

Netgroup si sta quindi concentrando sull’utilizzo della realtà aumentata sia in logica di Real Time Repair, ovvero dando vita ad una soluzione che permetta effettuare una Manutenzione Avanzata in logica remota mediante device AR mobile e/o indossabili, che nello strutturare contenuti formativi in logica olografica per poter erogare una formazione immersiva per gli operai e manutentori di linea.

Outcomes

Ricerca e sviluppo

L’attività di ricerca e sviluppo, per definizione, è destinata ad andare avanti senza fermarsi ed integrando, in base alle esigenze dei vari campi di applicazione, via via sempre nuove tecnologie utili a migliorare il prodotto finale.

5G: iperconnettività

Nella logica sempre più incalzante dell’iperconnettività, sicuramente la diffusione crescente del 5G è un aspetto da tenere in considerazione, e presumibilmente dovrà quanto prima essere parte integrante, ed in logica più diffusa, delle tecnologie adottate da parte delle realtà manufatturiere italiane.

I risultati in linea con il concetto di Digital Twin

Inoltre, la disponibilità sempre più ampia di dati dovrà necessariamente essere sfruttata sempre meglio affinando gli algoritmi di intelligenza artificiale per consentire non solo di avere strumenti validi di supporto alle decisioni, ma anche capaci di prendere in autonomia decisioni e porre in essere le relative azioni lungo le catene di montaggio, in linea quindi con il concetto di Digital Twin.