Seleziona una pagina

Come Netgroup protegge la sicurezza dei lavoratori nell’Industria 4.0

Cambia il concetto di salute nella quarta rivoluzione industriale, grazie alla sempre maggiore interazione dell’uomo con le tecnologie digitali e alle nuove sfide nel campo della tutela dei lavoratori – ed ecco come Netgroup ha sviluppato un dispositivo di Security Monitoring per tutelare il lavoratore in caso di incidente o malore.

Giorgio Nocerino

di Giorgio Nocerino

pubblicato il 02/05/2022

#Cyber Security #Industria 4.0 #Digital solutions #RFID

Tempo di lettura: 5 minuti

Security Monitoring per la sicurezza dei lavoratori

In prima linea per la sicurezza dei lavoratori
al tempo dell’Industria 4.0.

Start

L’evoluzione dei processi produttivi

L’avvento della tecnologia ha significativamente migliorato le condizioni di salute e sicurezza sul lavoro: si pensi ai robot che hanno sostituito gli operatori nelle mansioni più pericolose, oppure agli esoscheletri, che supportano il lavoratore nell’eseguire operazioni che comportano uno stress fisico molto alto. È il mondo di Industria 4.0.

Accanto a questi e a molti altri benefici, la sempre maggiore interazione tra uomo e tecnologie digitali solleva nuove sfide nel campo della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori. A cambiare, infatti, non sono solo i processi produttivi, ma anche i bisogni dei lavoratori e i rischi per la loro salute.

Un rapporto, quindi, destinato a intensificarsi nel futuro sotto la spinta di un progresso tecnologico sempre più rapido.

A cambiare, tuttavia, non sono soltanto i processi produttivi: come mutano, ad esempio, gli spazi di lavoro? Di conseguenza, come cambia la nozione stessa di salute del lavoratore?

Questions

I cambiamenti in corso tra lavoro e salute: una mappa per il futuro prossimo

SPAZI DI LAVORO

Grazie alla possibilità di svolgere alcune professioni, anche da remoto, ed al ricorso sempre più frequente a piattaforme e strumenti di telelavoro o, nei casi più strutturati, di vero e proprio smart working, è mutato l’approccio alla necessità di utilizzare gli spazi in compresenza fisica.

Se le tecnologie dell’automazione industriale, come i robot tradizionali e i cobot, hanno ridotto i rischi legati allo svolgimento di determinati compiti pericolosi da parte dell’uomo, non devono essere trascurati i rischi connessi all’utilizzo di macchine sempre più autonome in grado di modificare il proprio comportamento all’interno dell’ambiente di lavoro, grazie all’Intelligenza Artificiale e all’apprendimento automatico, senza che sia necessario l’intervento dell’uomo.

SALUTE DEL LAVORATORE

Non è più collegata solamente al rischio di infortunio o di malattia professionale intesa in senso fisico, ma anche alla dimensione psicologica vissuta dal lavoratore.

Il dibattito, in questo ambito, si è intensificato dopo il ricorso massivo al lavoro remoto come strumento di contenimento della pandemia, portando alla luce le sfide alla salute mentale dei lavoratori e ad un ambiente lavorativo sempre più connesso. Ecco quindi che la disconnessione da queste tecnologie diventa un diritto del lavoratore e anche le normative a tutela della sua salute dovranno integrare questo aspetto.

Answers

La risposta di Netgroup per la sicurezza dei lavoratori

Monitorare le condizioni degli operatori

Il dispositivo di Security Monitoring realizzato da Netgroup consente di avere un controllo sulle condizioni di salute degli operatori che lavorano in solitario o in aree con scarso presidio.

Verificare stati di inattività

Grazie al dispositivo Security Monitoring è possibile tenere sotto controllo l’effettiva operatività del personale, andando a verificare stati di inattività dovuti a malori.

Richiesta soccorso

Il dispositivo di Security Monitoring è formato da un tag attivo (RFID) che permette, attraverso un sensore di movimento, di verificare che l’operatore che lo indossa sia in stato di coscienza, quindi in grado di muoversi. In questo modo è possibile intervenire quando l’operatore stesso è impossibilitato a chiedere soccorso e assistenza.

Tasto emergenza

Il dispositivo presenta anche un tasto emergenza che consente all’operatore che lo indossa di far partire una richiesta di soccorso anche quando è cosciente e si accorge di un malore in arrivo.

Outcomes

Interventi mirati= +efficienza +efficacia

Tracciamento della posizione

Le operazioni di soccorso sono agevolate poiché il dispositivo consente, tramite la triangolazione Wi-Fi, di risalire alla posizione dell’operatore che necessita di assistenza. In questo modo il soccorso può essere tempestivo consentendo di aumentare le possibilità di buon esito dello stesso.

Invio allarme

Il dispositivo fisico si interfaccia con un applicativo che, raccogliendo le segnalazioni provenienti dal campo, genera e gestisce gli allarmi da inviare al personale competente.

Segnalazione pronto intervento

Attraverso il software, alla generazione di un allarme corrisponde l’invio di una segnalazione agli operatori preposti al controllo della sicurezza o anche ad un’unità di pronto intervento che possa prendere direttamente in carico il soccorso.

Interazione con la banca dati dei dipendenti

All’interno del messaggio può essere specificato sia l’operatore oggetto della segnalazione sia la posizione dello stesso, inoltre interfacciandosi con la banca dati dipendenti è possibile risalire alle possibili patologie registrate per l’operatore, fornendo un supporto anche all’intervento sanitario per quel che concerne le possibili cause di malessere o le possibili cure utilizzabili.

In questo modo gli interventi possono essere meglio pianificati a seconda delle caratteristiche dell’operatore a cui prestare soccorso, aumentando l’efficienza e l’efficacia degli interventi stessi.

La salute e la sicurezza diventano elementi fondamentali non solo per i lavoratori ma per le loro stesse aziende, la cui crescita è sempre più collegata al capitale umano.